Il trattamento delle superfici degli impianti dentali è un processo indispensabile nella fase di post-produzione: dopo la lavorazione industriale e meccanica i componenti potrebbero trattenere particelle estranee o residui che vanno eliminati per garantire la qualità del prodotto. 

Le moderne tecnologie permettono di trattare gli impianti per detergerli da qualsiasi contaminante, e in aggiunta, agiscono direttamente sulla superficie metallica implantare per attribuire caratteristiche migliorative, in particolar modo ai fini osteointegrativi e biologici.

Queste due pratiche, pulizia e modificazioni superficiali del metallo, sono complesse e delicate siccome devono soddisfare allo stesso tempo due obiettivi primari di natura chimica. In primo luogo, il processo di decontaminazione non deve lasciare residuato sulla superficie. Inoltre, i materiali utilizzati devono possedere proprietà reagenti che non provochino cambiamenti non controllati o deformazioni.

Per le sue sei linee di impianti B&B Dental ha preferito non utilizzare i processi di sabbiatura che possono essere eccessivamente aggressivi, rischiando di apportare cambiamenti morfologici non desiderati sulla superficie dell’impianto. La sabbiatura inoltre è un processo meno controllabile rispetto al processo messo a punto da B&B Dental. 

Nella prima fase si va ad agire sulle caratteristiche topografiche degli impianti, col trattamento BioActive; una doppia acidificazione (DAE: Double Acid Etching) con acido fluoridrico e cloridrico che crea sulla superficie implantare un’ossidatura controllata e costante di 4 micron. Una superficie così testurizzata presenta una micro rugosità che accresce le proprietà biologiche nella fase immediatamente post-operatoria: la micro-testurizzazione stimola la risposta cellulare di adesione dei nuovi tessuti, che attecchiranno più rapidamente.

Inoltre, visto che la creazione di micro-rugosità avviene tramite un processo per sottrazione, l’esposizione di una maggiore quantità di titanio aumenta la superficie disponibile per la crescita del nuovo osso. 

Complessivamente, questo trattamento accresce la capacità di rigenerazione ossea e osteointegrazione:

(1) “È noto che la topografia agisce sull’adsorbimento delle proteine e sull’interazione cellulare con l’ambiente biologico, che a sua volta influenza l’orientamento, adesione, migrazione, proliferazione, crescita e differenziazione delle cellule osteoblastiche.”

Il secondo trattamento subito dagli impianti B&B Dental si chiama bombardamento con plasma di Argon (Argon Bombing) ed è utilizzato per pulire la superficie. Questa operazione ha l’obiettivo di rendere l’impianto perfettamente deterso onde evitare la presenza di contaminanti che potrebbero inefficiare o variare il decorso di guarigione dei tessuti.

Inizialmente il gas nobile Argon viene posto all’interno di una camera bianca e trasformato in plasma. Successivamente, tramite un’apposita macchina, i pesanti ioni di Argon pressurizzati vengono scaricati ad altissima velocità sulla superficie implantare, bombardandola. Si svolge così un’accurata pulizia di tipo meccanico sfruttando l’impatto con gli eventuali contaminanti presenti, che verranno eliminati per attrito. 

(2) “Il plasma di Argon permette di modificare le proprietà fisiochimiche e biologiche delle superfici trattate e, quindi, la loro interazione con l’ambiente circostante. […] Inoltre, in aggiunta al potere decontaminante, il plasma di Argon svolge un’azione antibatterica.”

Questo procedimento è vantaggioso anche per l’assenza di solventi chimici, che potrebbero altrimenti reagire col metallo o lasciare residui.

Inoltre, l’Argon possiede la notevole capacità di attivare le particelle con cui entra in contatto, ionizzandole. Sfruttando questo effetto, l’Argon bombing aumenta la bagnabilità della superficie trattata, che mostrerà un’evidente maggiore capacità di attrarre liquidi. L’impianto così trattato può catalizzare le cellule impegnate nell’osteointegrazione, favorendola, ed è un grandissimo vantaggio sfruttabile in ottica post-chirurgica, per incentivare il processo proliferazione delle cellule implantari sull’impianto nella sua sede.

______________

 1 Tradotto dall’inglese da Velasco-Ortega E, Ortiz-García I, Jiménez-Guerra A, et al. Comparison between Sandblasted Acid-Etched and Oxidized Titanium Dental Implants: In Vivo StudyInt J Mol Sci. 2019;20(13):3267. Published 2019 Jul 3. doi:10.3390/ijms20133267
2 Tradotto dall’inglese da María Rizo-Gorrita, Irene Luna-Oliva, María-Angeles Serrera-Figallo and Daniel Torres-Lagares, Superficial Characteristics of Titanium after Treatment of Chorreated Surface, Passive Acid, and Decontamination with Argon Plasma J. Funct, Biomater. 2018, 9, 71; doi:10.3390/jfb9040071.

Clicca qui per scoprire le linee di impianti B&B Dental e tutte le loro caratteristiche!